Un aiuto prezioso: i falchi della Lucania

La Protezione Civile che funziona grazie al volontariato

Una idea: aiutare il prossimo. Da qui nasce tutto. Era il 20 luglio 2005 e viene costituita l’associazione di volontariato I Falchi della Lucania che fa parte della Protezione Civile di Potenza. I fondatori, Filippo D’Amico ed il figlio Gennaro, rispettivamente presidente e vicepresidente, avevano un obiettivo: aiutare la propria comunità a risolvere le emergenze.

“Prima di tutto il dare una mano ci arricchisce e ci fa stare meglio – aggiunge Gennaro. Inoltre abbiamo trovato tanti ragazzi volontari che volevano aiutare, essere preziosi e collaborare a risolvere le emergenze e le necessità del prossimo. Da qui l’idea di costituire una associazione autonoma di protezione civile al fianco della gente”. Si sono iscritti ai Falchi della Lucania oltre 40 membri che ogni giorno sono in strada a fare tantissimo per la nostra città, Potenza ma non solo, sono infatti presenti altri due distaccamenti operativi, uno a Vaglio ed uno a Campomaggiore.

Il loro campo di azione è davvero tanto ampio e del resto li avrete certamente veduti in giro a soccorrere la gente o a sostituire l’amministrazione comunale in qualche servizio. Dal soccorso sanitario all’aiuto d’utilità sociale, dall’attività ambientale al servizio d’ordine, dal supporto radio alle grandi emergenze, i Falchi della Lucania ci sono. In questi anni sono stati impegnati in emergenze nazionali come per il terremoto in Abruzzo, in numerose emergenze regionali per alluvioni, in tante emergenze cittadine di carattere idrogeologico e per neve.

Gli operatori hanno specializzazioni per pronto soccorso, assistenza minori, viabilità scolastica. Sono un prezioso aiuto per il Comune in decine di servizi, da quello all’uscita dalle scuole a quello di apertura e chiusura della villa di S.Maria, dal controllo notturno degli impianti sportivi, alla apertura e chiusura del nuovo cimitero. Danno il loro contributo anche all’ospedale S.Carlo. Non fanno mai mancare il loro supporto e di questo la comunità li ringrazia. Oggi Gennaro e Filippo continuano a cercare volontari, perché dicono, più siamo e più possiamo dare al prossimo. Questa è la Protezione Civile che funziona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.