Guarente vs Andretta, il prof l’outsider

La sfida sul Comune di Potenza è lanciata

Il 26 maggio ci saranno le amministrative a Potenza. Gli schieramenti sono composti. La campagna elettorale ha inizio. Avevamo parlato di porte girevoli senza voler mancare di rispetto ad alcuno ma solo fotografando la situazione attuale politica italiana e quindi anche locale. Ebbene la conferma è arrivata ieri nella composizione delle liste.

L’uscita di scena di Dario De Luca ha cambiato il panorama politico. Le carte sono state distribuite dalla strategica manovra del Pd che, bloccato Speranza a livello nazionale (vedi candidature di Leu nelle liste Pd alle Europee), gli ha perfino proposto di scegliere nelle sue fila il candidato a sindaco (Andretta). Per De Luca la perdita del suo alleato principale con tutta la pretora degli ex consiglieri è stata lancinante. A seguire Caiata si è sfilato andando a sostegno di Fratelli d’Italia e a quel punto la candidatura dell’ex sindaco non poteva più stare in piedi.

Quindi appare chiaro oggi che la battaglia sia tra destra e sinistra con un outsider, il prof. Tramutoli, piuttosto lontano e con un favorito netto: Guarente. Sei liste sono a sostegno del lanciatissimo Mario Guarente. La Lega ha incamerato a sorpresa Rocco Coviello, il Richelieu di De Luca e suo braccio destro. La lista civica per Guarente ha candidato Meccariello, Sagarese e Calò, tutti ex consiglieri eletti nelle fila del centrosinistra. Fratelli d’Italia ha riproposto il trombato eccellente delle regionali Michele Napoli, una sorpresa vedere un suo ridimensionamento a livello comunale. Forza Italia ha accolto i ritorni di Salvia (ex assessore del primo De Luca a maggioranza di destra) e Picerno, quest’ultimo pure ex consigliere eletto nelle fila del centrosinistra cosi come Lofrano. Poi le liste Idea e Lista Civica.

A sostegno di Bianca Andretta ci sono invece solo quattro liste. Quella del Pd con il ritorno a sorpresa di Roberto Falotico che pure aveva dichiarato di ritirarsi dalla politica. Quella di Leu, con l’entrata di Morlino ex consigliere eletto nelle fila del centrodestra, quella Popolare e quella civica la Potenza dei cittadini. A sorpresa l’uscita di alcuni storici uomini politici cittadini, da Lovallo a Carretta. Poi ecco l’outsider, come dicevamo, il prof. Valerio Tramutoli. Con le sue due liste di sinistra si pone alla finestra provando a sfilare voti con il disgiunto all’Andretta. Cercherà una impresa: superare il centrosinistra ed andare al ballottaggio, una vera scalata ma mai dire mai. Infine le deboli candidature di 5 Stelle con Marco Falconieri, solo 22 candidati a consigliere a suo sostegno, e di Potenza nel cuore con Giuseppe Ferraro, una sola lista a suo sostegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.