Il Palazzo degli Uffici resta ancora vuoto

Potenza: un centro storico da rivitalizzare

Il Palazzo degli Uffici Governativi, nel centro storico di Potenza, fa parte di quel numeroso gruppo di edifici che rischia di andare incontro ad un graduale e inesorabile degrado. Il timore è legittimo se si osservano le condizioni in cui si trova e che sono chiaramente visibili a chi passa, a piedi o con l’auto, vicino all’antico stabile. Il suo nome fa riferimento alla destinazione d’uso che il palazzo ha avuto nel suo lungo e glorioso passato.

Ma negli anni i numerosi uffici che vi avevano sede hanno iniziato a spostarsi abbandonando le stanze del Palazzo. La ringhiera all’esterno dell’edifico è in molte parti rovinata e transennata per evitare pericoli ai pedoni che percorrono il marciapiede lungo la facciata dello stabile, dove si trova l’ingresso principale. Le transenne occupano una buona parte del marciapiede rendendo, tra l’altro, scomodo il passaggio dei pedoni ma soprattutto mettono in evidenza una situazione di abbandono, come ve ne sono altre nel centro della città, su cui sarebbe necessario intervenire quanto prima.

A parte i lavori programmati per la manutenzione degli infissi esterni non è chiaro quando e come potrà essere riutilizzato il grande spazio vuoto a disposizione all’interno del Palazzo. La questione è stata approfondita in più occasioni dalla stampa locale ma ad oggi non c’è nessuna certezza sul futuro dello storico palazzo che resta, quindi, in attesa di nuova vita.

Tra le proposte portate all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni c’è quella dell’associazione “La Potenza del Centro” che, come riportato da alcuni quotidiani locali lo scorso anno, ha presentato una petizione al Comune di Potenza per chiedere all’ente di attivarsi al fine di ottenere dall’Agenzia del Demanio la cessione a titolo gratuito dell’immobile. L’idea-obiettivo è di poter poi definire il trasferimento degli uffici comunali nella struttura. Questa è una delle ipotesi da valutare ma quello che certo più conta è evitare il totale decadimento di un pezzo importante e bello della storia della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.