La scuola che vorrei..

Alcuni ragazzi ci scrivono della scuola che vorrebbero tra sogni e realtà

Alcuni gruppi del Pon “Lab news” hanno scritto dei contenuti in cui descrivono la loro scuola ideale. Dario ed Andrea vorrebbero una scuola migliore (per lui) di quello che è oggi: “Vorremmo che la scuola fosse meno faticosa. Gradiremmo che si riducessero le ore scolastiche settimanali da 30 a 15, mi piacerebbe anche la riduzione quasi completa dei compiti. Io impiegherei queste 15 ore ridotte dall’orario scolastico per fare esperienze all’aperto con altre attività didattiche”.

Simone è d’accordo, ma aggiunge: “Io vorrei anche che la ricreazione fosse più lunga, da 5 a 30 minuti e desidererei che non ci fossero le interrogazioni ma piuttosto test di competenza”. Yuri aggiunge: “Tutte giuste le vostre idee! Ma avete dimenticato in che modo trascorrere queste ore scolastiche. Io di queste 15, 5 le farei di educazione fisica, 3 di italiano, altre 3 di matematica e le rimanenti 4 le farei di informatica”.

Aggiunge Gianmarco: “Secondo me, manca ancora che gli anni scolastici siano totalmente gratuiti dalla scuola materna all’università, sarebbe molto più comodo per le famiglie, così potrebbero permettersi di esagerare su qualche acquisto utile per i ragazzi. Mi piacerebbe anche che le lezioni fossero svolte all’aperto quando possibile, perché stare all’aperto inciderebbe molto sulla voglia di venire a scuola e sul rendimento scolastico. Sarebbe bello avere anche ogni mese una gita, così da aumentare la cultura degli alunni”.

Dopo aver discusso sulla nuova scuola e come gestirla, i quattro ragazzi ipotizzano il nuovo ambito scolastico. Traendo delle conclusioni, i sei hanno pensato che la loro scuola dei sogni dovrebbe avere: 15 ore settimanali, formate da 5 ore di educazione fisica, 3 di italiano, 3 di matematica ed infine 4 ore di informatica; 30 minuti di ricreazione senza interrogazioni ma con test di competenza e una scuola totalmente gratuita con più gite e tante ore didattiche all’aperto.

Autori ed intervistati: Andrea, Dario, Davide, Fabrizio, Gianmarco, Simone, Yuri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.