Il Progetto PON Junior News

Il giornalino multimediale creato dai ragazzi dell’istituto primario MIlani

Gli alunni delle classi quarte e quinte di scuola primaria dell’ICL Milani hanno creato il loro personale giornalino dove ognuno di loro ha partecipato in modo attivo e costruttivo dimostrando senso di responsabilità, impegno nel lavoro individuale e di gruppo, autonomia operativa. Un lavoro interessante che ha prodotto il risultato di aumentare le competenze dei ragazzi e di creare un vero e proprio interesse verso la scrittura, il giornalismo, la creazione.

Abbiamo così prodotto un giornalino multimediale con una copertina, un nome, un logo e delle pagine con rubriche diverse. Un giornalino Junior dal titolo Parole e sogni che racconta ciò che i bambini vorrebbero dire e spesso non dicono. La multimedialità è data dai disegni e dalle costruzioni tridimensionali applicate ai cartelloni che rappresentano il giornalino; dalla musica e dalle rappresentazioni che sono state eseguite nella presentazione del progetto; dalla pubblicazione sul sito voci in gioco.

I ragazzi hanno deciso anche l’ordine delle rubriche e l’importanza di ciascuna predisponendola in copertina nei posti più visibili al lettore, da sinistra a destra, dall’alto al basso. All’interno articoli veri e propri appartenenti a diverse rubriche dove tutti hanno scritto e contribuito. La pagina 1 è un viaggio nella fantasia con la creazione di storie da parte dei ragazzi. Storie e Avventure è la rubrica che racconta di magie e di bambini.

La pagina 2 si intitola Pensieri e Desideri, ascoltando gli alunni del MIlani. Una rubrica che raccoglie i desideri dei ragazzi e ciò che vorrebbero fare da adulti con tante interviste. La pagina 3 contiene invece la rubrica Intervistando. Sono stati ascoltati il docente, le maestre, la segreteria e la dirigente dell’istituto. Ciò in merito al lavoro che svolgono, al sogno che avevano da bambini e se e come lo hanno realizzato. Una prospettiva inversa rispetto alla pagina 2.

La pagina 4 racconta invece la scuola che i ragazzi vorrebbero con tante sfumature interessanti. La scuola che vorremmo dice senza alcun dubbio il maggior spazio desiderato per lo sport e per le lezioni all’aperto. Infine la pagina 5, dove invece gli alunni hanno trattato e discusso della nostra Potenza. La città che vorremmo è il titolo di questa rubrica. L’attenzione è andata al verde pubblico, alle strade ed ad una città più a dimensione del cittadino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.